Attenti a dove lasciate le mutande
Pubblicazione del 18/07/2007
Per scoprire se il marito la tradiva ha fatto un test sulla sua biancheria intima scoprendo così tracce del Dna di un'altra donna.

Protagonista della vicenda una ricercatrice del Michigan, Ann Chamberlain-Gordon, che dopo il risultato delle analisi ha chiesto e ottenuto il divorzio.

Ora però rischia di finire nei guai per avere abusato, per fini personali, della strumentazione della polizia statale per cui lavora.

E' stato lo stesso marito a denunciare ai media locali la vicenda, chiedendosi quanti test di questa natura siano stati condotti in strutture pubbliche.

Lei ha ribattuto di avere condotto i test fuori dall'orario di servizio, utilizzando materiali chimici comunque destinati allo smaltimento.

Chamberlain-Gordon, che lavora al dipartimento della scientifica della Michigan State Police da molti anni, è una scienziata di una certa fama e ha ricevuto, nel 2006, un riconoscimento per un innovativo metodo per identificare il Dna in feti ed embrioni.
it
Visitatori on line: Visitatori di oggi: Visitatori totali: