Richiesta di Atti Pubblici
Pubblicazione del 01/07/2011

Mi sembra opportuno mettervi a conoscenza dell’episodio che ha visto nei giorni scorsi, come protagonista, la Eagle & Fox Investigazioni s.a.s. di Modena.

Il giorno 18 maggio 2011, il Socio Buonocore riceveva un regolare mandato investigativo per lo svolgimento di un servizio. Il reperimento di informazioni sullo stato patrimoniale del richiesto, prevedeva la richiesta da parte dell’investigatore, di Atti Pubblici ad un Notaio della Provincia di Modena (Artt. 743 e 744 - Libro IV° Titolo III del Codice di Procedura Civile). Come da prassi l’investigatore ha telefonato allo studio notarile, chiedendo il rilascio degli atti pubblici, dietro pagamento dei bolli previsti, ed ha ottenuto per tutta risposta un rifiuto da parte del notaio in questione, permettetemi di aggiungere, assolutamente ingiustificato.

Il giorno successivo Buonocore si è recato presso l’Archivio Notarile Distrettuale di Modena, formulando la sua richiesta. Il funzionario presente ha risposto che IL NOTAIO ERA DOVUTO PER LEGGE A RILASCIARE GLI ATTI PUBBLICI RICHIESTI. L’investigatore ha ricontattato il notaio che per tutta risposta ha fornito un secco “NO!”, aggiungendo che se voleva poteva anche rivolgersi al Consiglio Notarile di Modena. Costretto dalle circostanze, Buonocore ha presentato una lettera di segnalazione del problema direttamente al Presidente del Consiglio Notarile di Modena.

Il giorno 20 maggio, Buonocore ha contattato il Presidente del Consiglio Notarile di Modena, per chiedere chiarimenti in merito ala situazione. Il Presidente ha risposto che gli Atti Pubblici gli dovevano obbligatoriamente essere rilasciati dal notaio, naturalmente dietro pagamento dei bolli, dopodichè si è scusato per l’increscioso episodio, dicendo che avrebbe subito provveduto ad effettuare un richiamo nei confronti del notaio. Dopo pochi minuti Buonocore è stato contattato dalla Segreteria del Consiglio Notarile, apprendendo che poteva andare a ritirare la documentazione richiesta presso lo studio notarile.

L’investigatore si è recato presso il notaio, il quale oltre a fornire la documentazione, ha porto le sue scuse sia personalmente che a mezzo e-mail sia alla Eagle & Fox Investigazioni che al Presidente del Consiglio Notarile di appartenenza.

Raccontandovi quanto accaduto, noi della Eagle & Fox Investigazioni abbiamo voluto portarvi a conoscenza, dell’ennesima situazione in cui un investigatore privato si può trovare durante lo svolgimento della sua professione.



Dott.ssa Mariagrazia Apice

Eagle & Fox Investigazioni s.a.s.

Addetto Stampa Italdetectives Association


it
Visitatori on line: Visitatori di oggi: Visitatori totali: