Un po' di notizie sulla professione dell' Investigatore Privato
Pubblicazione del 15/08/2006
La professione di "Investigatore privato" non è attualmente regolamentata dall'esistenza di alcun Albo professionale: questo significa che non è necessario sostenere alcun tipo di esame di abilitazione per accedere al ruolo e che non esistono titoli di studio univoci e specifici in grado di garantire la preparazione necessaria.Tecniche e metodologie possono essere imparate ed affinate anche sul campo, ma certo non si può prescindere dal raggiungimento di una formazione culturale di base il più elevata possibile.
Il requisito necessario all'esercizio della professione come libero professionista è un "Titolo di Polizia", cioè una licenza per l'esercizio della professione rilasciata dalla Prefettura competente per sede di attività. Questa licenza non va confusa con quella propria degli Istituti di Vigilanza : tali Istituti,infatti,in Italia spesso sono in possesso di entrambe. Per svolgere la professione di Investigatore è comunque oggettivamente consigliabile il possesso di una Laurea (preferibilmente in Giurisprudenza o Psicologia): attualmente sono stati anche istituiti percorsi formativi creati ad hoc. Per esempio:
- presso l'Università degli Studi dell'Aquila ( Facoltà di Scienze della Formazione : si veda il sito www.univaq.it) è stato istituito, attualmente unico in Italia, il corso di laurea di primo livello in "Scienze dell'Investigazione" (a numero programmato).
Il corso di laurea intende formare una figura professionale in grado di coniugare la preparazione tecnico-investigativa (medicina legale, criminalità informatica...) con conoscenze di base relative ai diversi settori delle scienze psicologiche e dei processi cognitivi.
Presso l'Università di Bologna (Facoltà di Scienze Politiche - sede di Forlì) esiste il corso di laurea di primo livello per "Operatore della sicurezza e del controllo sociale" finalizzato all'acquisizione delle competenze necessarie per svolgere un'attività che impone di saper gestire progredite strategie investigative, di controllo e di sicurezza orientate alla prevenzione della criminalità.
Presso l'Università di Bologna (Facoltà di Scienze Politiche - sede di Forlì) esiste la Laurea specialistica in "Benessere, sicurezza, sociologia della salute" che prevede un curricula in "Sicurezza e criminologia investigativa".
Presso la Libera Università degli studi di Scienze umane e Tecnologiche di Lugano (www.ludes.ch/italiano/index.htm)esiste un master post laurea in "Scienza dell'investigazione"
Poichè, come abbiamo visto, diversi sono gli ambiti di attività che caratterizzano questa professione, inevitabilmente la formazione andrà completata "sul campo" in relazione ai diversi "indirizzi" ed esigenze della clientela con cui ci si troverà ad operare.
L'investigatore privato può svolgere la propria attività come collaboratore o titolare di un'Agenzia di Investigazioni. Per proporsi come Collaboratore di un'Agenzia di investigazioni è necessario:
- inviare il proprio Curriculum Vitae : non sono necessari, come abbiamo visto, titoli di studio specifici, ma potrebbe essere utile invece focalizzare il proprio ambito di "indirizzo" e interesse particolare (commerciale, privato, industriale) anche in relazione ai servizi erogati dall'Agenzia ;
- non aver subito condanne;
- essere maggiorenni;
- essere in possesso della cittadinanza italiana;
E' generalmente previsto un periodo di prova. E' l'Agenzia stessa ad occuparsi della "formazione" del collaboratore consentendogli così di maturare sul campo i "requisiti tecnici e di idoneità" e l’esperienza tecnica necessaria a diventare un professionista nel campo dell'investigazione aprendo una propria Agenzia.
Per aprire in proprio un'Agenzia occorre infatti essere in possesso di un’esperienza tecnica conseguita attraverso l'appartenenza alle Forze dell'ordine o mediante almeno 24 mesi di "praticantato" presso un'Agenzia di investigazioni e chiedere l'apposita licenza (= "Titolo di Polizia" alla Prefettura del Luogo in cui si vuole operare.
Secondo le norme stabilite dall'NCCP (Nuovo Codice di Procedura Penale) è sempre la Prefettura a rilasciare la licenza speciale tramite cui è consentito, all'investigatore privato di svolgere indagini direttamente su incarico dell'Avvocato incaricato della difesa.


Dal Sito della Polizia di Stato
Domanda: Esistono corsi che abilitano alla professione di investigatore privato?
Risposta: Premesso che la licenza di pubblica sicurezza per poter svolgere l'attività di investigatore privato non viene rilasciata, ovviamente, solo ad ex appartenenti alle forze di polizia occorre rilevare che al momento, la soluzione al quesito posto può venire solo da un intervento legislativo che modifichi la normativa in materia. Infatti è vero che, in linea generale, la vigente legislazione non vieta di per se l'insegnamento di discipline che presentano analogie con quelle che sono parte dell'addestramento professionale delle forze di polizia, ma è altrettanto vero che le cosiddette "scuole" che organizzano corsi di formazione per investigatori privati, non godono di alcun riconoscimento ufficiale. Questo Ministero ha più volte sollecitato le Questure a verificare che l'attività di tali scuole non venga pubblicizzata in modo da ingenerare l'errata convinzione che la partecipazione ai corsi attesti il possesso delle qualità che , dal nostro ordinamento sono ritenute indispensabili per ottenere, ad esempio, provvedimenti quali la nomina a guardia particolare giurata o, appunto, la licenza di investigatore privato.



it
Visitatori on line: Visitatori di oggi: Visitatori totali: